Perchè scegliere CUTURI per il vostro matrimonio?

Perché l’emozione del risveglio nella Masseria è di buon auspicio e non c’è modo migliore per iniziare una vita in due.

Perché dopo aver condiviso le emozioni della notte prima, sotto il cielo stellato che guarda alle terrazze illuminate dalla luce delle candele, non potrete che aspettarvi qualcosa di straordinariamente bello.

Perché la giornata degli sposi inizia con l’energia della natura che circonda la Masseria e che regala colazioni che profumano di amore e antiche genuinità.

Perché la giornata prende forma al ritmo della campagna e con la luce della terra di Puglia per arrivare in forma smagliante fino al momento del vostro SI!

Perché lo scambio dei vostri anelli nella chiesa di campagna del 1600 assume un significato simbolico di eternità.

Perché dopo la festa, che sarà così come voi l’avete immaginata e realizzata, la vostra avventura inizia con la notte nel trullo fiabesco e immerso nell’aria barocca e serena degli ulivi, con la certezza di essere esattamente dove avreste sempre voluto essere.

La Notte nel trullo

Dopo la celebrazione e i festeggiamenti del matrimonio, Masseria Cuturi ha una sorpresa per voi: trascorrere la prima notte di nozze in una “pajara” ristrutturata con i comfort moderni.

Le pajare sono antichi trulli in pietra a forma di tronco di cono, costruzioni rurali tipiche del Salento, costruite con la tecnica del muretto a secco. Nella masseria ci sono cinque pajare ristrutturate che vengono rivissute dagli ospiti che possono vivere l’emozione di una notte unica e speciale sotto le stelle.

matrimonio foto coppia
matrimonio foto banchetto

La Chiesa Rurale

La Masseria ha al suo interno una piccola e preziosa chiesa rurale in cui vi sono affreschi di Gaetano Bianco pittore campano del ‘600 trasferitosi a Manduria.

Ebbe 4 figli che seguirono le orme del padre producendo vari affreschi nelle chiese di Manduria (Cattedrale e Chiesa degli Scolopi) e del salento.

Nella chiesetta dei Cuturi erano presenti 2 affreschi sovrapposti: uno risalente al 1691 e l’altro alla metà del ‘700.

Dopo un lungo e minuzioso restauro ad opera di De Sario Valentino di Oria, con lo stacco dell’affresco sovrastante è stato possibile riportare alla luce l’opera di Gaetano Bianco del 1600 con i colori originali di grande effetto cromatico.

E’ stata recuperata e portata  alla luce un opera di cui non si conosceva l’esistenza, raffigurante la Madonna con ai piedi San Pietro e San Rocco. Quest’ultimo protettore degli animali del mondo contadino.

Gallery

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Vuoi organizzare il tuo matrimonio in Masseria Cuturi?
compila il form sottostante un nostro incaricato ti richiamerà il prima possibile.

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

    Resta aggiornato sulle nostre iniziative ed eventi